Avvocato specialista: il vantaggio sui tuoi competitor
Avvocato specialista

Avvocato specialista: qual è il vantaggio rispetto ai tuoi competitors

Tempo di lettura: 6 minuti
In breve
Avvocato specialista o generalista? Quale di queste figure lavora meglio di questi tempi? Il discorso va incentrato soprattutto su quello che è il contesto attuale, quindi si deve avere prima di tutto la percezione della forte concorrenza che si è sviluppata attualmente in questo settore. In secondo luogo va fatta una riflessione su quali siano i vantaggi offerti dalla specializzazione. Lavorare in un settore specifico da all’avvocato l’opportunità di far fronte a una sempre crescente concorrenza e di gestire anche quei grossi competitor che da sempre fagocitano tutto il mercato. Naturalmente occorrono anche delle strategie mirate di web marketing per avvocati e dei sistemi di acquisizione clienti calibrati sulle particolarità della professione legale.

Sempre più di frequente vediamo figure professionali specializzate in un determinato settore. Scuola, sanità, economia, politica, solo per farti qualche esempio, hanno i loro ambiti specialisti. Da qualche tempo anche la professione legale ha le sue specializzazioni. Quello che però, ancora, ci si chiede è se specializzarsi sia una scelta indovinata o se sia solo una perdita di tempo e di risorse.

Ovviamente dipende sempre da diverse varianti e dalle capacità e competenze dei singoli professionisti, ma se ti stai chiedendo quali siano i vantaggi per un avvocato specialista rispetto a uno generalista, allora si deve analizzare soprattutto il contesto attuale, sia a livello globale che a quello inerente il nostro Paese.

Avvocato specialista, partiamo dal contesto

Non ti posso spiegare vantaggi e svantaggi di avere una specializzazione se prima non ti faccio una breve panoramica dello scenario attuale.

Inizio subito col dirti che a livello mondiale il numero degli avvocati è aumentato in maniera impressionante. Solo negli Stati Uniti sarebbero oltre un milione, secondo una ricerca dell’American Bar Association. In Italia il discorso non è molto diverso. Il numero degli avvocati è in crescita.

Facciamo un passo indietro. Diversi anni fa a dedicarsi alla professione legale erano per lo più i figli degli avvocati o dei notai o dei magistrati. Questo, come sai, accadeva non solo per i costi elevati degli studi, ma soprattutto perché poi ci si ritrovava a poter lavorare nello studio di papà, o del nonno, o dello zio, solitamente già ben avviato.

Si doveva solamente conseguire la laurea e non ci sarebbe stato alcun problema per lavorare. Ovviamente anche le possibilità economiche avevano il loro peso. Oggi, invece, le università sono ben più accessibili a chiunque, i costi del corso di laurea abbordabili, quindi il risultato è che i laureati sono decisamente aumentati, mentre la possibilità di lavorare bene è diminuita, così come il fatturato.

Solamente i grossi studi legali oggi riescono a portare a casa cifre interessanti, per tutti gli altri si prospetta un cammino irto di ostacoli e di guadagni mediocri.

Negli ultimi anni, però, sembrava esserci stata una controtendenza. Meno iscritti nelle facoltà, un po’ per la delusione data dalla situazione generale, un po’ per l’effettiva mancanza di prospettive. Ma il numero degli avvocati in Italia non è sceso, al contrario, gli avvocati hanno continuato ad aumentare. Il discorso è molto semplice: molti aspiranti avvocati si sono laureati all’estero e hanno scelto il nostro Paese per esercitare la professione.
Marketing per l'avvocato

Differenziarsi dalla concorrenza

In questo scenario la concorrenza è diventata davvero pressante. Molti avvocati, fatturati appiattiti verso il basso, insoddisfazione. A questo punto differenziarsi è stato fondamentale, ed ecco perché per molti è diventato fondamentale specializzarsi in un’area specifica. Attualmente le aree di specializzazione sono 18. Ciascuna di queste consente all’avvocato di esercitare la professione in specifici ambiti di competenza.

In poche parole, l’avvocato per malasanità si occupa di tutti quei casi in cui il cliente richiede un supporto legale, per esempio, per ottenere un risarcimento del danno derivante da un episodio di malasanità, che sia un errore medico o dovuto a carenze strutturali. Gli avvocati in Italia, ovviamente, si sono adeguati alla normativa e hanno accolto, non senza polemiche, la possibilità di specializzarsi.

Questo però non significa che l’avvocato generalista sia una figura inesistente, ma sempre più spesso viene sostituita da quella dell’avvocato specializzato.

Essere un avvocato specializzato offre dei vantaggi?

E adesso cerchiamo di capire se specializzarsi in un determinato ambito sia o meno un vantaggio. Prova a immaginare un’azienda che vende abbigliamento. Anche in questo settore la concorrenza è molto forte, soprattutto se ci riferisce al settore low cost. Le aziende che oggi vanno avanti sono quelle che hanno scelto un mercato di nicchia e che quindi si sono specializzate, per esempio, in abbigliamento underground o nello streatwear. In questo modo si sono ritagliate un target specifico e riescono a mantenere il fatturato in positivo.

E per l’avvocato? Pressappoco funziona allo stesso modo. Essere un avvocato specialista quindi è certamente un vantaggio per il cliente che può contare su avvocati formati e con competenze specifiche. I vantaggi, però, non sono solo per i clienti, ma anche per i professionisti. Infatti, lavorare in un settore specifico, consente di ridurre la concorrenza.

Concentrare gli sforzi professionali su un ambito più ristretto permette di garantire al cliente una consulenza più rapida ed efficace, addirittura si riesce sempre più spesso a mettere a fuoco il problema già dal primo incontro e a strutturare la strategia adatta a ogni singolo caso.

Ma non è tutto, perché la specializzazione ha portato gli avvocati sì a essere molto più competenti e a gestire meglio le diverse cause inerenti l’ambito di specializzazione, ma anche a collaborare con colleghi specializzati in altri ambiti, offrendo così un servizio completo e con diversi punti di vista.

Se tu sei un avvocato divorzista, ma si presenta da te un cliente che ha bisogno di una consulenza per una causa di usucapione, potrai tranquillamente consigliargli un tuo collega, il quale farà la stessa cosa con te quando gli capitasse un cliente che ha necessità di avere una consulenza legale per un caso di divorzio.

Non da meno è importante notare come la specializzazione in un ambito specifico consenta agli avvocati di poter competere più facilmente anche con gli studi legali più grandi, o più blasonati. Anche i giovani avvocati trovano così il modo per farsi conoscere e per iniziare a ritagliarsi un loro spazio in questo difficile mercato.

La specializzazione non basta per aumentare il fatturato

Nonostante tutti questi aspetti positivi dell’essere un avvocato specialista, però, non mi sento di dirti che specializzarsi sia sufficiente per garantirsi un fatturato discreto. Sebbene negli ultimi tempi siano nati dei settori dove ancora la concorrenza non è così elevata come in altri, basti pensare alle leggi sulle pari opportunità o sull’immigrazione, giusto per fare un esempio, riuscire a farsi strada tra i competitor è ancora molto difficile.

Un avvocato che si sta affacciando alla professione, o che ha un fatturato medio, deve faticare moltissimo e fare investimenti importanti per far conoscere il suo studio. Oggi, anche nelle città più piccole, ci sono diversi avvocati che operano anche nel medesimo ambito specialistico. A questo punto ti starai chiedendo quanti avvocati in Italia esercitino la professione. Ebbene, ci sono 4 avvocati per ogni 1000 abitanti. Capisci ora l’entità del problema?

Certamente investire in pubblicità, a molti, ha dato una grossa mano, ma i tempi cambiano rapidamente e oggi il passaparola o la distribuzione dei biglietti da visita non è più sufficiente. Di contro, però, c’è la possibilità di farsi pubblicità, in seguito alla recente modifica della normativa che metteva diversi paletti in tal senso.

In America, dove farsi pubblicità è consentito da molto più tempo, numerosi avvocati inseguono gli stessi potenziali clienti, soprattutto quella tipologia di clienti che sono considerati molto ambiti, di conseguenza la competitività è sempre un grosso problema e solo gli studi molto importanti riescono ad avere successo.

Le potenzialità del web

Negli ultimi tempi sempre più avvocati hanno scoperto le potenzialità del web. Pubblicizzare il proprio lavoro attraverso il sito dello studio o attraverso i social apre nuove possibilità. Il discorso va focalizzato però su quelli che sono i cambiamenti del mercato.

Basta solamente pensare a come un cliente cerca un avvocato e a come quest’azione sia cambiata nel tempo. Prima dell’avvento di internet l’avvocato si cercava, normalmente, sulle pagine gialle. Si preneva il grosso librone e lo si sfogliava, ma se ti serviva un avvocato a Milano e tu vivevi a Firenze la ricerca non era semplice. Oggi le ricerche si fanno sul web. Un utente è un potenziale cliente. Ogni utente è un’occasione che non deve essere sprecata. Ma come?

Innanzi tutto è fondamentale avere il sito web e iniziare a costruire la propria brand reputation, ovvero, la propria presenza sul web. Se pensi alle aziende forse è più facile capire l’importanza di questo passaggio. Per esempio, ti basta vedere una mela morsicata per pensare a un famosissimo brand.

Per l’avvocato naturalmente si tratta di farsi conoscere dal suo target. Ci sono diverse strategie contemplate dal marketing per avvocati che consentono di ottenere ottimi risultati dal punto di vista dell’acquisizione dei clienti, e su questo punto ci dobbiamo soffermare adesso.

Acquisizione dei clienti, un passo in più

Anche sul web però la concorrenza sta diventando forte. Ovviamente, se tutti gli avocati si pubblicizzano mediante il loro sito e mediante l’utilizzo di strategie di web marketing, inclusi gli annunci a pagamento, la concorrenza non farà altro che spostarsi dal mondo reale a quello digitale. E allora?

E allora occorre fare un passo in più, quindi acquisire clienti con un metodo strutturato ed efficace. Su questi presupposti ho ideato il Metodo Vetta Digitale, un sistema di acquisizione clienti specifico per gli avvocati.

Si tratta di mettere in atto una serie di strategie di marketing scelte e calibrate sulle specificità della professione legale per acquisire clienti in modo sistematico. Oggi solo garantendoti un flusso costante di contatti, che seguendo questo processo vengono trasformati in clienti, ti puoi garantire il successo professionale e dello studio legale.

Per farti un’idea più precisa guarda i video per conoscere il metodo e scoprire che avere clienti, nonostante la forte competitività del tuo settore, è ancora possibile.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.