Studio legale visibile su Google: ecco cosa devi fare
studio-legale-visibile

Il tuo studio legale visibile su Google? Ecco come si fa

Tempo di lettura: 4 minuti[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ti hanno detto che per trovare nuovi clienti devi sfruttare le occasioni del web. Giusto. Però forse ancora non hai chiaro come si fa a fare in modo che il tuo sito, o meglio, il sito del tuo studio legale, sia visibile su Google. Bene, per prima cosa devi avere chiaro quello che si può e che non si può fare. Fortuna vuole che i paletti che la tua professione imponeva in ambito pubblicitario sono via via caduti. In poche parole significa che oggi, purché sia fatto in modo corretto, puoi pubblicizzare la tua attività. E per quanto riguarda il web? Anche in questo frangente non c’è divieto di sponsorizzare la propria attività di avvocato. Ora però arriva il bello, come si fa?

Studio legale visibile, come far piacere il tuo sito a Google

Abbiamo detto più volte che un sito è come una vetrina, deve essere bello, ben fatto, ma soprattutto deve essere visibile. Se nessuno lo vede è come un sopramobile nella casa in campagna dove non va mai nessuno, sta li a prendere polvere e basta. Oggi devi capire pochi concetti che riguardano il web, ma molto, molto importanti. Iniziamo con un piccolo glossario.

Innanzi tutto devi sapere che cos’è la “query”. Questa parola inglese indica la domanda che viene posta al motore di ricerca. Nell’ambito legale, chi cerca l’aiuto di un avvocato di solito digita “avvocato civilista” o penalista ecc. a seconda del suo problema, oppure “avvocato a Roma” o “avocato Roma”, oppure digita il suo problema, per esempio “alimenti divorzio” o anche “cause usucapione”, “divisione eredità”, “affidamento figli”, e così via.

A questo punto cosa accade? Che Google elabora una serie di risultati che vengono mostrati in una nuova pagina, la “SERP”. E adesso il discorso si fa interessante. Per sfruttare le opportunità del web una delle prime cose da fare è posizionare il tuo sito tra i primi risultati che dà Google. Sai cosa si dice a proposito nell’ambiente della SEO (quelle strategie e tecniche di ottimizzazione)? Che se vuoi nascondere un cadavere la seconda pagina dei risultati è il posto ideale. Questa metafora serve per dire che chi si trova in seconda pagina non verrà visto da nessuno.

Ovviamente non è proprio così, tuttavia posizionarsi bene è fondamentale, e lo è anche per il tuo lavoro. Ma come si fa ad apparire tra i primi risultati della Serp? Ci sono fondamentalmente due possibilità, vediamole.

Posizionamento organico

Con la definizione posizionamento organico si indica tuta una serie di attività che un esperto professionista è in grado di fare in modo da posizionare il tuo sito senza pubblicare annunci a pagamento, vediamo dopo cosa sono questi. Quindi un bravo SEO, un bravo marketer, sa come costruire il tuo sito utilizzando le strategie di ottimizzazione che riguardano sia la struttura del sito sia i suoi contenuti. Probabilmente hai sentito parlare di parole chiave, ma quello è solo uno dei tanti aspetti dell’ottimizzazione che è un lavoro complesso e articolato.

studio-legale-visibileQuesto lavoro non si vede, o meglio, per i non esperti non è subito visibile, ma lo si può vedere nel tempo quando scrivendo un query nei motori di ricerca troverai il tuo sito nella prima pagina o nelle prime pagine (si tranquillo, in seconda pagina non c’è nessun cadavere nascosto e per chi sta iniziando è un buon risultato, anche se bisogna ambire alla prima!). Quindi come funziona? Funziona che questo lavoro deve essere fatto da un professionista, prima di tutto perché va impostato sul tuo lavoro, quindi sull’attività di avvocato, poi si deve tenere presente la geolocalizzazione, e altri fattori. Il fai da te in questa fase è impensabile, sia perché non puoi trascurare il tuo lavoro in studio, sia perché ci vuole molta pratica e molto studio per fare bene, proprio come nella tua professione.

Posizionamento a pagamento

Un altro modo per posizionarsi bene col proprio sito sui motori di ricerca, e quindi rendere lo studio legale visibile, è quello di pagare degli annunci. Questa strategia si chiama PPC, pay per click. Con Google Adwords si acquista della pubblicità a pagamento e il tuo sito può stare per un tot di tempo nelle prime posizioni della Serp. Detta così sembra facile, quindi potresti pensare “perché far fare tanta fatica e lavoro a un SEO se posso pagare e trovarmi subito in prima posizione?” La risposta è facile.

Per prima cosa si tratta di una strategia che può essere anche molto costosa perché ogni volta che qualcuno clicca sul tuo annuncio tu paghi. Ogni link sponsorizzato, così si chiamano gli annunci a pagamento, ha un costo variabile a seconda delle parole chiave utilizzate, e qui  serve comunque la consulenza di un esperto perché se si fa un’offerta per delle parole chiave non pertinenti si finisce per pagare senza avere un buon target, quindi una platea di utenti fortemente interessata ai tuoi servizi legali.

Quali sono i pro e contro degli annunci a pagamento? Diciamo che non è proprio corretto parlare di pro e contro quanto di come viene utilizzato questo sistema. Per chi si sta appena affacciando sul web può essere molto utile utilizzare il pay per click, o per integrare le strategie di posizionamento organico, ma come ti ho detto questo strumento deve essere usato con perizia.

Quale deve essere la posizione ideale per trarne profitto

E adesso tiriamo le somme. Ora che hai visto come funziona diciamo anche in quale posizione ci si dovrebbe trovare per far si che l’utente che cerca un avvocato finisca sul tuo sito e ti chiami.

Posto che non c’è una ricetta sicura, ma piuttosto un insieme di tecniche e strategie, la posizione ideale, non prendiamo in giro, sarebbe la prima. Ok, non sempre si riesce a piazzarsi così bene, non subito, soprattutto in un settore dove c’è tanta concorrenza come il tuo. Però fino alla quinta, sesta posizione diciamo che ci sono alte possibilità di essere cliccati.

Il perché si spiega col fatto che la gente va di fretta, se cerca qualcosa per risolvere un suo problema vuole trovarlo subito, per questo non va spesso oltre la prima pagina dei risultati. Tuttavia ti voglio tranquillizzare, perché chi cerca la consulenza di un avvocato non si accontenta del primo che trova, non è come quando si cerca un e-commerce di calzature per esempio. Chi cerca un legale di solito sta attento e legge il suo curriculum, i lavori che ha eseguito e per questo ti serve un sito perfetto, oltre che ben posizionato, per rendere lo studio legale visibile. Inoltre, l’ideale è avere un sistema di acquisizione clienti,  meglio di “creazione” clienti, ma questo te lo spiego la prossima volta.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.